Olio EVO per frittura

person Pubblicato da: Cooperativa Madonna del Rosario list In: Olio di oliva Sopra: comment Commento: 0 favorite Colpire: 3864

Da sempre si è avuta la convinzione che friggere con l’olio di oliva fa male perché è pesante e grasso. In realtà, il miglior olio per friggere è proprio l’extravergine. La frittura è un piatto molto amato da tutti. Bisogna saper scegliere l’olio migliore, un prodotto capace di garantire bontà e benefici per la salute. Tutto dipende dal punto di fumo alto. Il punto di fumo dell’olio è la temperatura che, se raggiunta, rilascia sostanze tossiche. In situazioni simili bisogna trovare un prodotto resistente e l’olio di semi, a dispetto di quanto si pensa, non è in grado di sopportare bene il calore della friggitrice o della padella senza essere dannoso per l’organismo. La soluzione ideale è di friggere con olio di oliva extravergine. Lo dimostra anche questa ricerca pubblicata sul Journal of Agricultural and Food Chemistry, la rivista scientifica dell'American Chemical Society. Dai risultati è emerso che l’alimento cardine della dieta mediterranea regge le temperature elevate, e non va incontro al deterioramento ossidativo. E quindi mantiene inalterate le sue proprietà benefiche. In questo modo si assapora la frittura preferita e si tutela la salute dell’organismo. L’extravergine, infatti è ricco di polifenoli che combattono i radicali liberi. L’olio extravergine di oliva è la scelta giusta in cucina anche per le fritture perché i suoi acidi grassi sono più stabili rispetto a quelli dell’olio di semi e il punto critico dell’olio di oliva è di 210 gradi centigradi. Considerando che la temperatura ideale per la frittura è di 170/180 gradi, rientra pienamente negli standard richiesti. Inoltre l’olio di oliva, a differenza dell’olio di semi che è raffinato attraverso processi chimici, è un prodotto naturale e nutraceutico.

ALCUNE RACCOMANDAZIONI

Usare pentole strette e profonde, le padelle non devono essere troppo larghe; gli alimenti devono essere completamente immersi nell’olio per friggere e controllare che sia caldo; è preferibile mantenersi al di sotto della temperatura massima prevista; sostituire l’olio extravergine di oliva ogni volta che si scurisce, diventa viscoso o produce fumo durante la frittura; evitare la ricolmatura, l’aggiunta dell’olio usato quello nuovo; proteggere l’olio extravergine dalla luce; asciugare bene gli alimenti prima di metterli nell’olio; tagliare gli alimenti in modo uniforme per garantire gli stessi tempi di cottura; non riempire la pentola con troppe pietanze, la temperatura dell’extravergine si abbassa molto; evitare di mettere il sale e altre spezie durante la cottura. Questi elementi possono alterare l’olio, la soluzione migliore è condire i cibi in seguito; asciugare gli alimenti con una carta assorbente prima di mangiarli.

Commenti

Nessun commento in questo momento!

Lascia il tuo commento

Domenica Lunedi Martedì Mercoledì Giovedi Venerdì Sabato Gennaio Febbraio Marzo Aprile Può Giugno luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Modulo di registrazione